Crea sito
Explore Travel Note
BOOKS

LEGGENDE E FIABE SIBERIANE / NICOLAI LILIN

«La Siberia è fatta di queste storie. Qui non esistono norme, regole, o altre forme di potere umano. L’unico potere è quello della natura: nelle nostre leggende è racchiusa l’essenza dell’anima siberiana».

Dopo il grande successo di Educazione Siberiana, liberamente ispirato alle sue esperienze giovanili, lo scrittore di origine russe Nicolai Lilin ci porta nuovamente nei meandri ancestrali della sua cultura di origine narrandoci di leggende legate al mondo popolare nel gelo della foresta Siberiana.

Le Leggende della Tigre

Photo by Klara Kulikova on Unsplash

Mentre fuori infuria la tempesta, due giovani veterinari attraversano la foresta siberiana per raggiungere un raro esemplare di tigre bianca, ma nel cammino vengono travolti da una violentissima bufera. A salvarli è un misterioso bambino comparso dal nulla, che li accompagna davanti a una piccola baita di legno. Il padrone di casa, un vecchio altrettanto misterioso di nome Filaret, li accoglie al tepore della stufa, prepara una tisana fumante e li incanta per tutta la notte, fino allo spuntar del sole, narrando storie di spiriti e sciamani, cacciatori e viaggiatori, cercatori d’oro, briganti e pionieri di quelle terre selvagge.

Nelle parole di Filaret, Maxim e Aleksej intravedono la possibilità di una ricchezza diversa, spirituale e naturale.

I miti della Taiga riprendono vita attraverso la voce del vecchio cantastorie, gli spiriti millenari affollano ancora una volta la foresta, e il soffio della grande tigre Amba anima ogni cosa.

Nicolai Lilin

Lo scrittore, il cui vero nome è Nicolai Verjbitkii, è nato nel 1980 in Unione Sovietica, è cresciuto in Transnistria, uno Stato la cui indipendenza non è riconosciuta a livello internazionale, situato al confine tra Moldavia e Ucraina. Il suo romanzo d’esordio, Educazione Siberiana, come ha affermato lo stesso autore, trae ispirazione da alcune vicende realmente vissute. Il romanzo racconta la crescita e la formazione del protagonista Kolyma all’interno di una comunità criminale di origine siberiana (Urka Siberiani) stanziata in Transnistria.

Come racconta lo stesso Lilin, i suoi antenati sono appartenuti a una grande famiglia siberiana di esploratori, fuorilegge, cacciatori e mercanti, di origini sovietiche. In seguito alla rivoluzione del 1917 gran parte della famiglia è stata vittima dell’armata rossa in quanto alcuni dei suoi membri furono accusati di brigantaggio.  Per sfuggire alle persecuzioni, il resto della famiglia si trasferì in Bessarabia, l’attuale Transnistria.

Legatissimo al nonno paterno Boris, che ha ispirato alcuni personaggi dei suoi romanzi, l’uomo fu membro di una casta criminale dell’epoca zarista, gli Urka, ispirati a dei rigidi codici di comportamento etici e morali di stampo antico. Fu l’uomo a trasmettere al nipote le storie e i valori di questi criminali definiti onesti che si opponevano al potere corrotto. Le storie apprese da Lilin sono state narrate nei suoi romanzi.

Nel 2004 Lilin si trasferisce in Italia, attualmente oltre a scrivere romanzi e collaborare con importanti testate giornalistiche,  ha un laboratorio artistico a Milano, Kolima Art Studio.

Photo by Klara Kulikova on Unsplash

Per acquistare il libro Le Leggende della Tigre

Per acquistare il Libro Educazione Siberiana

You Might Also Like...