Crea sito
Explore Travel Note
peschici baia zaiana manaccora
CAMPER ROAD TRIP DISCOVER PUGLIA

PESCHICI & LE BAIE DI ZAIANA & MANACCORA

Peschici è una delle perle del Parco Nazionale del Gargano,  la piccola città marinara è  arroccata su uno sperone roccioso affacciato a picco sul mare turchese,  e grazie alla sua posizione strategica domina la baia.

Il nostro articolo sul Gargano

GARGANO : BAIE E COSTE ROCCIOSE, A PICCO SUL MARE TURCHESE

Peschici

Peschici ha una storia antica, le notizie relative alla sua origine risalgono al 970 d.C e sappiamo che fu  fondata da una comunità di soldati slavi. Infatti  il nome della cittadina, deriva proprio dai Balcani ed  è composto dalle parole slave  Pesek sabbia e Cist  fine, e indicano il  suolo sabbioso.

L’antico borgo della città si snoda in un dedalo di viuzze lastricate in pietra, con scalinate e stradine con dolci sali e scendi che degradano verso il mare. E, tra l’ alveare di case bianche con tetti a cupola, si aprono piazzette con piccole chiese , scalinate, archi in pietra. E balconi panoramici affacciati sul mare, dove osservare suggestivi tramonti con  il sole che cala dietro le Isole Tremiti.

Un post condiviso da •The Explorer• (@sputnikexplore) in data:


Perdendosi i tra le sue strade non manca l’occasione di passeggiare tra piccoli negozi che conservano le tradizioni del passato, come le botteghe in cui si lavora la ceramica e il legno. Ma anche negozi in cui si vendono prodotti locali come olio di oliva, tarallini, vino e pasta fresca. Inoltre non mancano i  piccoli ristoranti di pesce affacciati sulla baia e le taverne in cui degustare la gastronomia pugliese.

Un post condiviso da •The Explorer• (@sputnikexplore) in data:


I tortuosi vicoletti di Peschici ruotano attorno al Castello Normanno, chiuso tra le mura difensive, è  posto su uno sperone roccioso. Fu costruito intorno all’anno mille per proteggere la città dalle incursioni turche. Successivamente fu rafforzato per volere di Federico II, che fece  costruire, le mura e la Torre del Ponte. Questa  risale all’epoca Angioino-Aragonese così chiamata in memoria del ponte levatoio che chiudeva il paese, oggi  rappresenta  la porta d’ingresso al centro storico.

Un post condiviso da kiace (@kiace) in data:

Ai piedi della città sorge Santa Maria di Calena, questa è l’Abbazia più antica d’Italia, nel medioevo fu la più ricca e influente del meridione.  Eretta nel IX secolo, accoglieva i pellegrini diretti al Monte dell’Angelo.

Un post condiviso da kiace (@kiace) in data:

Zaiana & Manaccora

La bellezza di Peschici risiede anche nella natura che la circonda, lungo la sua costa sorgono spiagge e baie incontaminate immerse nel paesaggio mediterraneo del Parco Nazionale del Gargano. Come la Baia di Zaiana, dista soli 5 km da  Peschici, è incastonata tra alti costoni rocciosi, che degradano verso  le limpide  acque turchesi. Questa spiaggia dalla fine sabbia color oro negli anni 70′ e 80′ fu frequentata da naturisti provenienti da tutta Europa, ammaliati dalla bellezza incontaminata del luogo.

Un post condiviso da •The Explorer• (@sputnikexplore) in data:


Poco distante dalla Baia di Zaiana sorge la  Grotta di Manaccora. Prende il nome dall’omonima baia e conserva testimonianze dell’era del bronzo fino ad arrivare all’epoca romana.

L’imponente grotta è affacciata sulla  Spiaggia di Manaccora, situata a circa 6 chilometri dal centro di Peschici. Si tratta di una bellissima spiaggia di soffice sabbia dorata, caratterizzata da un ampio litorale  orlato da vegetazione mediterranea e da ampi costoni rocciosi che degradano verso il mare.

La grotta naturale fu scoperta alla fine degli anni ’20, e  si estende per più di 90 metri all’interno del  massiccio promontorio roccioso che domina la baia. Sappiamo che la grotta fu usata sin dall’età del Bronzo sia per svolgere riti propiziatori della fertilità. Successivamente come luogo di sepoltura, infatti sono stati rinvenuti  ricchi corredi funerari con armi, monili in bronzo e ceramiche. Successivamente, nella tarda età del Bronzo,  la grotta venne utilizzata a scopo abitativo infatti nell’area sono state rinvenute  testimonianze che attestano attività come la lavorazione del metallo, filatura e tessitura.

Un post condiviso da •The Explorer• (@sputnikexplore) in data:

I Trabucchi del Gargano

Sparsi sulle rocce aride bagnate dal mare turchese sorgono i famosi Trabucchi. Tipici delle coste garganiche sono caratteristiche costruzioni in legno un tempo adibite alla pesca,e sono tutelati come Patrimonio Monumentale dal Parco Nazionale del Gargano.  I più famosi sono quelli della costa tra Peschici e Vieste, situati nella baia di  Zaiana e San Nicola.
Gli storici affermano che la loro origine risale ai Fenici, queste strutture anticamente, permettevano  di pescare senza doversi inoltrare per mare. I Trabucchi venivano costruiti con legno di pino di Aleppo, un materiale molto resistente alla salsedine e al vento. E collocati su punte e promontori rocciosi delle aree più pescose, gettando in mare delle reti sostenute da un sistema di bracci di legno.

Alcuni antichi trabucchi oggi sono stati trasformati in scenografici ristoranti sospesi sul mare.

Altro simbolo del territorio sono le  Torri di Avvistamento, erette nel 500 per difendere la costa dalle incursioni nemiche sono in posizione dominante e come sentinelle si affacciano sul mare.

Camper Park Valle Olivo, area di sosta camper situata nella Baia di Manaccora a 100 metri dal mare, e a 7 km da Peschici, è circondata da splendidi alberi di olivi, fichi e macchia mediterranea. Nelle vicinanze, è possibile raggiungere a piedi un antico Trabucco, la struttura in legno ospita un ristorante.

 

GARGANO : BAIE E COSTE ROCCIOSE, A PICCO SUL MARE TURCHESE

© 2017 le foto e il testo presenti nell’ articolo sono di proprietà di Explore Travel Note & Giovanni Kiace è vietata la riproduzione delle foto e dei contenuti senza l’autorizzazione dell’autore.

You Might Also Like...